In vino veritas. Una massima sempre valida e perfettamente calzante anche quando si tratta di social network. Sono questi ultimi a svelare le nostre abitudini “alcoliche” e le nostre preferenze in fatto di etichette. Ad animare le conversazioni online sono gli hashtag dedicati all’argomento come #winelovers, #winetasting, #winenot e molti altri. Intorno ad essi sono nati nuovi trend che stanno influenzando e rivoluzionando la percezione del vino e le nostre abitudini legate al buon bere (del fenomeno legato all’aumento del consumo del vino rosé tra i Millennials, testimoniato dalla diffusione dell’hashtag #roséallyear, avevamo già parlato in questo articolo).

Il settore enologico dunque si fa sempre più social e le aziende dimostrano di essere al passo coi tempi. Socialvignerons.com, tra i più autorevoli wineblog a livello internazionale, ha stilato una classifica delle realtà vinicole più attive su Instagram, vero e proprio strumento di marketing attraverso cui raccontare e valorizzare i prodotti, ma anche “testare” i gusti dei consumatori.

Restringendo il campo al nostro Paese, gli esempi in tal senso non mancano. Eccone alcuni.

Marchesi Antinori (Toscana)

 

Vino Marchesi Antinori

Fonte immagine: pagina instagram @marchesiantinori

Una storia di passione che perdura da 26 generazioni. La famiglia Antinori si occupa di produzione vinicola da ben seicento anni. Tradizione e innovazione sono i valori trainanti di quella che nel corso degli anni si è affermata come una delle principali realtà italiane produttrici di vino. La storia, il territorio, le fasi di produzione e le etichette sono raccontate minuziosamente su Instagram attraverso scatti suggestivi e caption brevi ed efficaci (in italiano e inglese), accompagnati da hashtag contestuali. L’azienda ha inoltre inserito in bio una call to action con hashtag dedicato, “Share your vintage bottle with #AntinoriVintage” che finora ha prodotto 142 post.

 

Mionetto (Veneto)

Vino instagram Mionetto

Fonte immagine: pagina instagram @mionetto_prosecco

“Il vino non si beve soltanto, si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e…se ne parla” affermava Edoardo VII, precorrendo i tempi. Una massima che esprime bene la strategia comunicativa di Mionetto, Cantina del Veneto che ha fatto della convivialità il leitmotiv della pagina Instagram ufficiale: i contenuti visuali rimandano alle “occasioni d’uso” del prodotto, così come le caption (solo in inglese), talvolta venate d’ironia. L’hashtag predominante è quello associato al brand, #mionettoprosecco.

 

Sergio Mottura (Lazio)

Vino social instagram Sergio Mottura

Fonte immagine: pagina instagram @sergiomottura

Con il Poggio della Costa 2016, la Cantina Sergio Mottura si è aggiudicata i Tre Bicchieri sulla Guida Vini d’Italia 2018. “Un esempio da seguire per far crescere il distretto vinicolo della Tuscia” secondo il Gambero Rosso, che però sui social non dimostra appieno il suo potenziale. La pagina Instagram in particolare presenta i contenuti in maniera confusionaria, non rendendo giustizia alla storia e alle (molteplici) peculiarità dei prodotti dell’azienda, che affonda le sue radici nelle prime decadi del 1900.

 

Potrebbe interessarti anche  Birra e social media: un’analisi sulla presenza online di Heineken e Peroni